LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE INGIUNZIONI FISCALI NOTE OPERATIVE E CONSIGLI PRATICI

Specialisti in comune

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE INGIUNZIONI FISCALI NOTE OPERATIVE E CONSIGLI PRATICI

Il D.L. 34/2019 “Decreto Crescita” estende la definizione agevolata dei tributi anche agli enti locali, per le entrate non riscosse a seguito di ingiunzione fiscale tra il 2000 e il 2017. Se da un lato la cd. “rottamazione” comporta una diminuzione del gettito fiscale previsto, dall’altro rende “più certo” l’introito per il Comune anche in termini temporali. I Comuni che intendono avvalersi della previsione normativa devono approvare, entro il prossimo 1 luglio, un apposito Regolamento che disciplini l’esclusione delle sanzioni relative alle entrate in questione.

Il Comune procederà quindi a esaminare le istanze pervenute dai contribuenti nei tempi indicati dal regolamento e comunicherà ai debitori l’avvenuto accoglimento, indicando le scadenze per il versamento del dovuto e il relativo importo. Da ultimo, verificherà che le date di pagamento siano state rispettate.

La Scheda Operativa qui allegata riporta pratiche ed esaustive indicazioni utili alla valutazione sulla opportunità di avviare il processo di definizione agevolata evidenziando i passaggi operativi per l’Ente anche attraverso esempi pratici e suggerimenti operativi.

Il Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie comunali riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, unitamente al Modello di dichiarazione di adesione da parte del contribuente sono disponibili separatamente per l’acquisto facendone richiesta.

Specialisti in Comune